Serie A 2020/21


PROBABILITA' DI VITTORIA

Rimando innanzitutto a questo articolo per sintetizzare il metodo utilizzato per trasformare le quote in reali probabilità.

Vediamo ad oggi, con tutte le incertezze del caso sul mercato, quali sono le probabilità di vittoria della prossima Serie A secondo i bookmakers:

CLUB

QUOTA

PROBABILITA’

Juventus

1,70

50%

Inter

3,50

23%

Atalanta

12,00

6,5%

Napoli

12,00

6,5%

Lazio

15,00

5,5%

Milan

25,00

3,5%

Roma

50,00

2%

Altro

30,00

3%

Fonte SNAI 12/8

LE FAVORITE

Sarà l’anno in cui terminerà il dominio Juve? Ad oggi le probabilità che ciò accada sono stimate attorno al 50%. La squadra di Pirlo negli scorsi anni è però sempre partita da una quota più bassa (probabilità più alta) e le difficoltà di questo finale di stagione hanno fatto avvicinare le altre. Ma sarà comunque la favorita ai nastri di partenza.

La prima outsider è l’Inter, con oltre il 20% di probabilità di vittoria. Il finale in crescendo, i sogni di mercato, un allenatore vincente come Conte avvicinano i nerazzurri alla Juve, ma sarà comunque difficile spodestarli.

OUTSIDER

Dietro troviamo con oltre 6% di probabilità Atalanta e Napoli, la Dea è ormai collaudata ed il sogno di vederla lottare per lo scudetto non è più impossibile, nonostante un budget nettamente inferiore alle rivali, basta guardare il monte ingaggi. Anche se i grandi risultati stanno facendo lievitare il fatturato e certamente qualcosa verrà investito in questa sessione di mercato. Anche gli azzurri di Gattuso partono in seconda fila dopo una stagione anonima in campionato, ma hanno basi, budget e qualità per tornare in Champions, anche se non sarà facile. Per vincere servirà un’impresa.

Subito dietro troviamo la Lazio, fresca di ritorno in Champions, per la quale i bookmakers stimano poco più di un 5% di vittoria, molto difficile quindi lottare di nuovo con la Juve e non sarà facile neanche difendere il quarto posto. In terza fila anche il Milan con un 3,5% di probabilità, rossoneri che vengono da un girone di ritorno post covid straordinario, con Ibra grande trascinatore, ma la qualità della rosa è ancora lontana dai top. Per vincere servirebbe una grande impresa, fattibile arrivare in Champions ma non sarà facile scalzare Atalanta o Lazio, considerando anche un possibile ritorno del Napoli, con Juve e Inter grandi favorite per un posto. Di poco dietro troviamo anche la Roma, alla quale non vengono date molte chanches di vittoria, ma solo un misero 2% in partenza. Giallorossi quotati dunque solo per la zona Europa League e servirà una grandissima stagione per finire almeno tra le prime quattro. 

LE ALTRE

Abbiamo citato 7 clubs, dunque a questo punto non ci sarebbe più spazio per l’Europa, anche se bisogna vedere i risultati della Coppa Italia e le impostazioni della nuova Europe Conference League. Sono comunque sempre possibili sorprese, anche se le differenze di budget le rendono improbabili. Circa un 3% di probabilità che il campionato sia vinto da uno degli altri 13 clubs. Tra questi troviamo diverse squadre che partiranno almeno col sogno Europa, prima fra tutte la Fiorentina di Commisso. Staremo a vedere.

Certo è che la forbice tra i top club e le provinciali, in termini di fatturato, si è nettamente allargata negli ultimi due decenni. Anche grazie a ciò fino agli anni ’90 era normale trovare una provinciale ai primi posti, anche in lotta per la vittoria, e primeggiare in Europa. Perugia, Parma, Vicenza, Verona… Milan e Lazio capitate in B, l’Inter salva di poco nel ‘94, sono solo alcuni esempi difficilmente ripetibili anche se le imprese sono sempre possibili, basta guardare il Leicester in Inghilterra e l’Atalanta negli ultimi anni, provinciale ormai diventata internazionale.

Logosportrend 8/20

Commenti
* L'indirizzo e-mail non verrà pubblicato sul sito Web.