Il valore economico delle squadre italiane


SITUAZIONE - 2015

Il mercato del calcio continua a crescere a livello internazionale, come testimonia  il continuo aumento dei ricavi sia in Europa che in alcuni campionati emergenti minori, in particolare Americani e Asiatici. L’Europa, almeno a livello di club, è ancora ampiamente il centro del calcio mondiale: Champions e Premier League sono le due competizioni non nazionali più seguite al mondo, superando anche le grandi leghe americane sia sul web che in televisione.

In termini di ricavi la Premier League è terza alle spalle di NFL e MLB (Bloomberg), ma occorre sottolineare il diverso numero di club partecipanti e la fiorente economia americana che consente grandi introiti. Il paragone è dunque azzardato, inoltre fuori dagli Stati Uniti le grandi leghe americane, ad eccezione del basket (NBA) che pure è in crescita in alcuni paesi, raccolgono un numero relativamente basso di followers, numeri assolutamente non paragonabili al calcio, che è attualmente di gran lunga lo sport più seguito al mondo oltre che lo sport principale nella maggioranza degli stati, come vediamo in questo grafico tratto da reddit.com, in verde i paesi in cui il calcio è lo sport numero uno.

Mappa sport valore squadre calcio

[Fonte: Reddit, 2014]

Vedremo se gli effetti degli scandali FIFA metteranno in discussione questa supremazia in alcuni paesi, anche se la globalizzazione, che sta continuando a pieno ritmo, ha negli ultimi decenni indubbiamente favorito lo sviluppo del calcio a livello mondiale.

IL CALCIO ITALIANO

In questo contesto di crescita globale, dunque, è sufficiente non perdere quote di mercato per crescere economicamente anche in maniera rilevante, cosa che purtroppo il calcio italiano ha fatto negli ultimi 2 decenni.

Ma l’Italia è ancora molto importante nel calcio e la Serie A è il quarto campionato più ricco del mondo in termini di ricavi: in molte nazioni è il terzo campionato più seguito dietro a Premier (per loro un vantaggio è anche che mezzo mondo parla inglese) e Liga, che stanno crescendo a velocità doppia ma davanti alla Bundesliga, che pure sta crescendo più velocemente ed ha superato la Serie A in alcuni paesi.  Seguono la Ligue 1 francese e tutti gli altri.

I buoni risultati in campo internazionale dei nostri club nella scorsa stagione hanno favorito un aumento di visibilità e una crescita del valore di tutto il nostro calcio, almeno a medio-alto livello, ma è chiaro che questo effetto positivo durerà poco tempo se questi  risultati non verranno confermati, sappiamo che i risultati sportivi sono un fattore molto instabile.

Di seguito l’aggiornamento della nostra speciale classifica sul valore economico dei club Italiani col metodo “Factorial model” che abbiamo usato negli ultimi 12 mesi per analizzare il valore dei principali campionati.

Ricordo che il calcolo per giungere al valore delle squadre di calcio si basa su variabili legate al bacino d’utenza, o meglio alla quota di mercato attuale, e ai risultati sportivi recenti e passati. Ricordo inoltre che il risultato in milioni di euro è soggettivo, in quanto dipende dalle variabili utilizzate, ma il principale intento è di ordinare i nostri club in un’ottica a lungo termine, infatti la valutazione delle aziende, solitamente, si basa sul valore attuale ma ipotizzando una gestione infinita, o almeno che prosegue per qualche decennio.

ESEMPIO

In quest’ottica, proviamo a fare un esempio: vale di più un club come il Sassuolo, saldamente in Serie A da 3 anni e con rosee aspettative a breve termine, ma con una quota di mercato ancora ridotta e la forte dipendenza dalla proprietà che chiaramente potrebbe cambiare nei prossimi anni/decenni, o un club come l’AC Reggiana, che gioca nella stessa città ma con un bacino d’utenza nettamente maggiore (a parità di categoria), ma ora stabilmente in terza serie e dunque molto lontana dal Sassuolo?

Con questo modello, attualmente, i due club hanno valori simili. Chiaramente, pur cercando una visione a lungo termine, i risultati di ogni stagione incidono in maniera significativa; se il Sassuolo dovesse restare in A anche nei prossimi 2-3 anni e la Reggiana in Lega Pro, il club neroverde prenderebbe il largo rispetto ai cugini granata, viceversa, se entrambi i club dovessero ritrovarsi in B sempre nei prossimi 2-3 anni, sarebbe il club granata a ritornare davanti nella nostra speciale classifica in virtù della (ancora) maggiore quota di mercato a parità di categoria. Pensando non a 2 ma a 15-20 anni, quale di questi eventi è più probabile? Non è facile fare questa stima in modo attendibile, ma per il nostro modello le possibilità sono simili e i 2 club hanno attualmente valori paragonabili.

RANKING 2015

La nostra classifica Italiana TOP 50 vede Milan e Juve che staccano tutte le altre:

Valori squadre Serie A  2015 -  (1)

Il Milan si mantiene al comando ma con un valore simile alla Juve.

Vedremo se Mr. Bee ci smentirà subito sborsando i famosi 480M€ per il 48% del club: certo è che se questa operazione andrà in porto, presupponendo l’intelligenza finanziaria che il broker ha già dimostrato in altri mercati, si potrebbero aprire prospettive luminose per i rossoneri. Se Mr. Bee o chi per lui sono davvero pronti e volenterosi nello spendere tutti questi soldi è perché sono sufficientemente certi di guadagnarne di più, e per valere più di un miliardo di euro il Milan deve certamente aumentare i ricavi e di conseguenza i risultati sportivi (fattori che sappiamo essere, in una certa misura, correlati). Sarà affidabile?

Dietro alla Juve, in crescita soprattutto grazie alle grandi prestazioni in Champions oltre che al quarto scudetto di fila, troviamo saldamente al terzo, quarto e quinto posto Inter, Roma e Napoli. Nerazzurri ancora forti di un importante brand internazionale, ma occorre tornare i Champions per non perdere quota rispetto alle inseguitrici. Tra le “7 sorelle” troviamo saldamente Fiorentina e Lazio, con i viola che scavalcano i biancocelesti rispetto alla scorsa classifica. Dietro è bagarre, anche se il Toro è sempre più nettamente l’ottava forza di questa speciale classifica, mettendosi dietro le Genovesi, Palermo, Bologna e Udinese.

In una Serie B piuttosto equilibrata nei valori comandano Bari e Cagliari e mancano all’appello 5 squadre su 22 nella Top 50, prima delle escluse il Crotone; sale al 33° posto il Como che è il club che ha fatto il balzo maggiore recuperando ben 13 posizioni dal 2014, mentre dal 2013 il club che ha scalato di più la classifica è l’Empoli (+19 posizioni).

Valori squadre Serie A  2015 -  (2)

La Lega Pro porta 11 club in classifica, capitanate da 3 nobili decadute come Catania, Padova e Lecce. Anche SPAL, Foggia, Reggiana e Pisa hanno numeri da serie B. Ancona prima delle escluse. Cinque i club di Serie D; oltre al Parma, il Venezia è saldamente in classifica anche se ha perso posizioni negli ultimi anni, ma con la nuova società capitanata da Tacopina sembra essere la volta buona per provare a risalire trai professionisti per poi tentare subito il più difficile approdo in B. Trai dilettanti anche il Piacenza scalpita per tornare presto trai professionisti e rientrare nella nostra Top 50.

Valori squadre Serie A  2015 -  (3)

LA SERIE A COL MAGGIOR VALORE

Notiamo che la Serie A perfetta in termini di valore comprenderebbe Parma, Bari, Cagliari, Catania e Vicenza.

Valori squadre Serie A  2015 -  (4)

Nel Rank 2013 avevamo il Brescia al posto del Vicenza e nel 2014 il Cesena, ma poco è cambiato, a testimonianza della stabilità di questo metodo nonostante la grossa variabile risultati. Al posto di Chievo (22°), Empoli (29°), Sassuolo (38°), Carpi e Frosinone (queste ultime 2 ancora fuori dalla nostra Top 50 ma la permanenza nella massima serie anche solo per una stagione potrebbe favorire il loro ingresso già dal 2016).


Logosportrend

Commenti
* L'indirizzo e-mail non verrà pubblicato sul sito Web.